«

»

Stampa Articolo

La Sindrome di Down alla Corte di Mantova

Studio di Brian Stratford

Vergine con bambino di Andrea Mantegna

In questi tempi moderni dove sbagliare non è più esperienza ma irritazione, vergogna e giudizio, dove la televisione allena benissimo a non riflettere e “dove si tenta di superare o nascondere l’esistenza del limite” (L. Cancrini), cogliamo l’occasione della Giornata Nazionale delle Persone con Sindrome di Down per proporre questo studio di Brian Stratford su di un dipinto di Andrea Mantegna.

Brian Stratford, docente di educazione speciale alle Università di Nottingham e Surrey, ha pubblicato questo lavoro nel giugno del 1982 sulla rivista Maternal and Child Healt.

In alcuni brevi passaggi l’Autore descrive “somaticamente” la persona con Sindrome di Down prendendo spunto dall’immagine del bambino dipinto da Andrea Mantegna ma queste descrizioni di taglio scientifico non negano il significato provocatorio e profondamente sociale dello studio che, nei fatti, propone una (rara) occasione di riflessione sull’accoglienza ed il pregiudizio in due periodi storici distanti cinquecento anni. Questa riappropriazione di un tempo dilatato che comprende le nostre esistenze ci ricongiunge con la nostra appartenenza alla natura e senza diminuire l’importanza di ciò che possiamo essere o fare, ci ricorda le nostre reali dimensioni, aiutandoci, forse, a comprendere e vivere meglio i nostri giorni.

Scarica l’opuscolo: {filelink=3}

10 Ottobre 2010
Giornata nazionale delle persone con sindrome di Down
 [hdplay id=6 ]

Permalink link a questo articolo: http://www.ceps.it/la-sindrome-di-down-alla-corte-di-mantova/

Lascia un commento